Un pomeriggio in compagnia della mia nipotina sulla passeggiata Tappeiner a Merano

Questa mattina, poco dopo essermi alzata, ho ricevuto un messaggio da mia sorella Sonja. Un impegno imprevisto le aveva scombinato i piani per il pomeriggio e perciò mi domandava il favore di tenerle Heidi, la mia nipotina, mentre lei sbrigava le faccende. “Mi spiace disturbarti” mi ha scritto “ma non so proprio a chi altro rivolgermi”. Ovviamente poter stare con la piccola non è affatto un disturbo per me. Chi mai direbbe di no a un piacevole pomeriggio tra ragazze?

Così, approfittando di questa calda e soleggiata giornata di marzo, ho deciso che avrei portato Heidi sulla passeggiata Tappeiner a Merano. È uno dei miei angoli preferiti della città, così ho dato appuntamento a Sonja nei pressi della chiesa parrocchiale da dove la passeggiata ha inizio.

Il fascino della passeggiata Tappeiner a Merano

Non ci sono dubbi che la passeggiata Tappeiner a Merano sia una delle promenade più belle dei dintorni. Lunga 4 chilometri, costeggia il Monte di Merano (Küchelberg) salendo per circa 100 metri sopra la città fino al quartiere di Quarazze, dove ha termine. A colpire, oltre agli scorci mozzafiato sulla città, è soprattutto l’inconsueto mix di vegetazione alpina e mediterranea. Lungo le assolate coste del Monte di Merano crescono infatti ulivi, palme, agavi, bambù, magnolie aloe, fichi d’india, eucalipti e cactus.

Passeggiare circondati da tanta varietà è davvero fantastico. Se possiamo farlo è merito di una persona veramente speciale, che con questa passeggiata ha voluto lasciare un segno tangibile del suo amore per questa città.

Sto parlando del dottor Franz Tappeiner, il cui busto saluta i passanti poco dopo l’inizio del percorso.

marzo-2019-3
marzo-2019-2

Chi era il dottor Franz Tappeiner

Medico, botanico e antropologo, Franz Tappeiner nacque a Lasa nel 1816 da una famiglia di contadini. Ebbe però la possibilità di studiare medicina a Padova, Praga e Vienna. Dopo tre anni di pratica medica nel suo paese natale, nel 1846 aprì uno studio a Merano dove sperimentò tecniche all’avanguardia per la cura dei suoi pazienti. Le sue capacità erano infatti note tanto nel Burgraviato, quanto nella più distante Bolzano. Oltre alla medicina si interessò di botanica, raccogliendo in diversi erbari più di 6000 piante, e di antropologia. Fu un fiero sostenitore dell’unità etnica del Tirolo a dispetto delle sue differenze linguistiche.

Tappeiner fu così innamorato di Merano che, nel 1893, sborsò di tasca sua 22.000 fiorini per costruire il primo tratto di questa splendida passeggiata che porta il suo nome.

E adesso che il sole sta pian piano tramontando dietro le montagne, tingendo il cielo di riflessi rosati, non posso fare a meno di fermarmi insieme ad Heidi sotto la sua statua e rivolgergli un cenno di saluto.

Grazie per questo regalo dottor Franz…

Commenta l'articolo

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.