Lavori in giardino all’Hotel Lisetta

Maggio è il mese in cui la natura si risveglia. La primavera, da poco iniziata, comincia a far vedere i suoi segni e tutto, intorno a noi, è tenero e verde come le gemme sugli alberi che, pian piano, fioriscono.

Come ogni anno, questo è anche il periodo in cui, qui all’Hotel Lisetta, iniziano i lavori nel parco, nell’orto e nel giardino. Teniamo particolarmente ai nostri spazi verdi, perché gli ospiti dell’albergo li apprezzano molto e per loro vogliamo sempre dare il massimo.

Ecco perché spesso usiamo le verdure del nostro orto – pomodori, lattuga, erba cipollina e altre erbette – anche in cucina. Mentre i fiori li usiamo per dare vita a colorate decorazioni su tavoli e piatti.

È il motivo per cui – e questa è una delle cose belle della natura – ogni anno ci rimettiamo al lavoro per prenderci cura di loro e prepararli al meglio per la nuova stagione che inizia.

Nel regno di Brigitte

A prendersi cura del parco, del giardino e dell’orto è mia mamma Brigitte, una vera e propria maga dal pollice verde. Non c’è pianta o fiore di cui non conosca le proprietà e le particolarità. Sa come prendersi cura di ogni seme o bulbo o piantina che sotterra, in attesa di vederla crescere e fiorire.

È lei che decide quali piante e fiori vanno piantati e come accostarli per creare gli effetti di colore più sorprendenti. È sempre lei che li cura, li annaffia, li pota o li travasa a seconda delle necessità. Vederla così affaccendata, in mezzo alla terra, tra gli attrezzi da giardino a cui dedica grandi attenzioni, tenendole sempre in ordine e nelle migliori condizioni, è uno spettacolo che riempie il cuore.

Indaffarati come siamo dalle mille urgenze di questo mondo moderno, spesso ci dimentichiamo quanto sia importante coltivare il nostro rapporto con la terra e la natura. È un sentimento antico, che fa vibrare corde profonde dentro il nostro animo.

Non si tratta solo del ricordo della nostra infanzia, quando le unghie nere di terra raccontavano di giochi e scoperte. È un legame che ci riporta indietro alla preistoria, quando la sopravvivenza stessa della nostra specie era legata alla conoscenza della natura e alla nostra relazione con essa.

Prendersi cura di fiori e piante ci riporta a quei tempi e ci ricorda di quanto siano fondamentali questi piccolo, dolci gesti di cura per forme di vita diverse dalla nostra, ma che meritano altrettanta attenzione e rispetto.

È di tutto questo che ci parlano i gesti calcolati, saggi e attenti della mia mamma.

Commenta l'articolo

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.