L’albergo riapre

Per la maggior parte delle persone le ferie finiscono a settembre. Per noi, invece, quelle di marzo sono le ultime settimane di vacanza. In questo periodo, il nostro albergo, come ogni anno, si prepara a riaprire i battenti e ad accogliere i suoi ospiti.

Sono giorni frenetici e, a volte, in questi momenti mi sento nei panni di un’attrice al suo primo spettacolo. Perché anche se sono tanti anni che facciamo questo lavoro ogni inizio di stagione è come se fosse per la prima volta. Alla fine non ci si abitua mai.

Flavio e l’arte del fai da te

Il più ambizioso di tutti noi è Flavio. Mio papà è un vero vulcano, uno che non riesce mai a stare fermo. Tra una cosa e l’altra, in albergo c’è sempre qualche lavoretto da fare: un rubinetto che perde, una vite da fissare o un muro da ridipingere. Ma Flavio non è cero il tipo da accontentarsi di queste bazzecole.

No, a mio papà piace pensare in grande. Prima ancora che l’albergo chiuda, lui ha già pensato e progettato un intervento in grande stile. Un anno è il tetto da rifare, un altro una stanza da aggiungere, un altro ancora è il giardino che ha bisogno di una rinfrescata.

Per tutto questo Flavio non ha bisogno di operai, è un artista del fai da te. Da anni fa squadra col suo amico Sepp “Holzwurm” e realizza da solo tutti gli interventi più importanti in albergo. Il bello è che, per loro, è un vero divertimento.

marzo-2
marzo-3

Brigitte, un uragano di perfezione

Poi c’è Brigitte. Certo, magari è meno ambiziosa di Flavio, ma quanto a scrupolosità anche mia mamma non scherza. Quando la nuova stagione si avvicina la vedi correre di camera in camera per controllare la biancheria, gli asciugamani o le linee di cortesia.

Neanche il tempo di distrarsi ed è già arrivata al bar, per sistemare il bancone. Un secondo dopo è in sala ristorante ad allineare tavoli, tovaglie, posate e tovaglioli e così finché l’albergo riapre…e anche dopo. Mia mamma è un vero uragano di perfezione!

Pronta per una nuova stagione

E io? Io passo molto tempo a preparare la mia postazione alla reception dell’hotel. Ho sistemato la scrivania, regolato la sedia davanti al computer, spostato il telefono nella posizione che preferisco. Tutto quello che mi serve l’ho messo a portata di mano e sono pronta per una nuova stagione.

Mi siedo sulla poltrona e guardo fuori, attraverso la porta a vetri. È passato qualche mese dall’ultima volta che mi sono seduta qui e, oggi, mi accorgo che sotto sotto mi è mancata la mia reception. Una nuova stagione sta per iniziare e noi siamo pronti per accogliere al meglio tutti voi. È siamo davvero felici di poterlo fare ancora una volta.

Commenta l'articolo

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.